Gennaio 28, 2022
0 114

League of Legends non è semplicemente un gioco o un passatempo, e chi ci gioca da tempo lo sa bene. Si tratta di un universo intero da esplorare con l’obiettivo di appassionare non solo gli affezionati, ma anche il nuovo pubblico.

L’infinita lore di League of Legends

Nel 2021, la Riot ha rilasciato su Netflix la serie animata Arcane: League of Legends, che funge da prequel ai fatti narrati nel gioco. Grazie ai vari episodi, è possibile farsi un’idea più accurata di alcuni personaggi giocabili, tra cui Jinx, detta “Powder”. 

La lore di League of Legends è estremamente vasta. La Riot stessa ci tiene a tenere vivo l’interesse rilasciando biografie ufficiali, assecondando (o smentendo) le teorie dei fan e inventando degli interi universi paralleli per dare una nuova veste ai personaggi più amati. 

Caso particolare è la creazione delle K/DA, un gruppo musicale virtuale formato da quattro personaggi giocabili femminili. Si tratta di Ahri, Akali, Evelynn e Kai’Sa, reinterpretate come idol e utilizzate per creare diverse tracce musicali. 

Le quattro idol fanno parte di un universo alternativo in cui le protagoniste hanno trascorso la propria vita tra passerelle e scenari mondani. Il gruppo musicale ha anche avuto l’onore di esibirsi durante i mondiali di League of Legends. Ovviamente, all’esibizione hanno partecipato anche le cantanti che danno loro la voce (ovvero Miyeon, Seoyeon, Madison Beer e Jaira Burns). Per espandere l’universo delle K/DA, nel 2020 è stato annunciato il rilascio di una serie di fumetti web dedicati alle quattro protagoniste. 

Grazie ad Arcane e alle K/DA, la Riot è riuscita ad avvicinare anche un pubblico che non gioca a LoL ma sa comunque apprezzare un intrattenimento di alta qualità.

Le nuove skin di gioco, rilasciate il 26 gennaio 2022 per festeggiare il nuovo anno lunare

I giocatori di LoL? Anche sui social

Al di là dei giocatori più o meno solitari che si divertono di tanto in tanto in Solo Q oppure con gli amici, l’Italia vanta una community particolarmente devota alla Riot anche su Twitch. 

A qualunque ora del giorno e della notte, infatti, è possibile trovare streamer nostrani e internazionali intenti a seguire questo gioco, che rimane tra i più guardati e giocati dell’intera piattaforma. 

L’interesse rimane alto anche su YouTube, dove il canale di League of Legends conta oltre 14 milioni di iscritti interessati ai contenuti della Riot. In genere, la maggior parte dei contenuti riguarda le nuove skin e i filmati di stagione, ma non solo. Ci sono anche video riguardanti la lore dei personaggi e i migliori momenti delle giornate dedicate agli esport (come i Mondiali, ma non solo). 

Aspettative per il 2022

La finale del Campionato Mondiale di LoL 2021 ha avuto in media 30.604.255 spettatori al minuto, circa il 30% in più rispetto al 2020. Il 2020, che pur era risultato uno degli anni con maggior seguito, registrò un picco di spettatori contemporanei di 73.860.742. 

Il covid ha sicuramente impattato sulle modalità di gioco dei Mondiali, ma la Riot spera in un ritorno alla normalità nel 2022. 

In attesa del prossimo Mondiale, ha stretto una partnership con la LEC, che si impegnerà a fornire gli schermi da gioco, e con l’automobile Kia, partner di vecchia data. Inoltre, sono riprese le collaborazioni con Red Bull, che sponsorizzerà l’esport di LoL, con Warner Music e con Secrelab, la quale produrrà le sedie da gioco ufficiali delle competizioni. 

@Kiria EternaLove

Il mio nome è Chiara S., ma sono nota nel mondo del Web come Kiria EternaLove. Scrittrice e copywriter, mi piace leggere, scrivere, disegnare e videogiocare.